Leggendo su iPad

Ho letto il mio primo romanzo su iPad.
Non credevo, ma l’ho trovato piuttosto piacevole. Continuo credere che non si possa trattare di una soluzione definitiva per la lettura di libri: i reader mirati, privi di retroilluminazione sono più confortevoli. Ma pensavo peggio.
Avevo già provato a leggere fiction su iPhone, ma lo schermo è claustrofobico e dopo un po’ avvertivo qualche fastidio agli occhi. Con iPad non mi è successo. Abbasso l’illuminazione e imposto la grandezza dei caratteri in base alla distanza con cui tengo il dispositivo.
Ho trasferito alcuni ePub su iBooks, la trovo piacevole come applicazione. Mi dispiace solo che non si possa gestire il colore di sfondo di pagina come si faceva con Stanza per iPhone, preferirei impostare un giallino o un tono di grigio.

Credo che Apple abbia fatto nel campo ebook il processo inverso rispetto a quello intrapreso dai produttori di ereader.
Oggi il mercato di Kindle e affini si rivolge a un’utenza avanzata, abituata al digitale, che non riscontra particolari problemi nell’affrontare un device con un’interfaccia un po’ legnosa. Paradossalmente però questo non è certo il profilo della massa - che se vuoi sarebbe proprio quella da convincere.
iPad invece è facile da usare anche per chi non è abituato all’elettronica di consumo.
Credo che iBooks possa essere visto come un punto d’ingresso per la cultura dl libro in formato digitale. Sicuramente chi comincerà ad apprezzare il formato sentirà con il tempo la necessita di rivolgersi a un dispositivo mirato e migliore. Si spera che nel frattempo i produttori di ereader trovino il modo di renderli più agevoli, veloci ed economici.


Data: mercoledì 2 giugno 2010 alle 11:08
Tag: , , ,
Categorie: Blog
Segui la discussione di questo post via RSS.
Puoi lasciare un commento | trackback


Send to Kindle

Un commento to “Leggendo su iPad”

  1. Suzupearl scrive:

    [in compenso noto che mi sono mangiata via un po' di parole scrivendo su iPad]

Lascia un commento